Google e il taxista di Mantova

Eric Schmidt, presidente di Google, martedì 24 maggio ha inviato un messaggio al Corriere della Sera con un invito: “L’economia italiana che vuole diventare new impari dal tassista di Mantova”.

Ma chi è costui e come mai è così importante?

Si chiama Federico Hofer, originario di Gela, in Sicilia, trasferitosi in Lombardia per cercare lavoro e, come tanti altri, rimasto vittima della crisi e senza occupazione.
Così si è spremuto le meningi e nel 2009 ha creato un sito di “noleggio auto con conducente”, che parte da Mantova per andare a prendere i turisti in aeroporto e portarli a destinazione, o per un tour sul lago di Garda. Un servizio esclusivo, solo su prenotazione, disponibile 24 ore su 24.

L’estate scorsa il grande salto: quello internazionale. Ora il suo nome compare anche nei motori di ricerca francesi, inglesi, tedeschi e olandesi e, secondo Eric Schmidt, sta indicando al mondo il cammino da seguire.

Lui si dichiara contento del suo lavoro e di fatturare ogni mese dai 5 ai 6mila euro.
Fermo restando che col porno avrebbe guadagnato di più.

Share Button

10 commenti su “Google e il taxista di Mantova

  1. non ho capito in cosa consisterebbe la genialata e che differenza ci sia dagli altri servizi taxi. il fatto di essere su internet? perchè gli altri non ci sono su internet?

  2. La differenza non sta nell’essere su internet o no. Sicuramente altri servizi di taxi sono su internet (almeno lo sono dove vivo io…che non e’ l’Italia). La differenza sta nel fatto che internet ti permette di raggiungere clienti/persone che altrimenti non avresti mai raggiunto. Cosi’ il tassista di Mantova ci ricorda che i nostri clienti non sono solo i cittadini di Mantova, ma tutto il mondo…per un paese arretrato e immobile come il nostro e’ un concetto difficile da capire…

  3. Concordo GG. Soprattutto è raro che un nostro servizio abbia visibilità all’estero, e probabilmente molti clienti del taxista di Mantova sono proprio stranieri

  4. eh già peccato solo che il taxista in questione si sia fatto pubblicità tramite adwords di google e che quindi il messaggio implicito di schmidt sia: volete fare soldi? usate la pubblicità di google!

  5. La morale è che dalla crisi si esce rimboccandosi le maniche e sono sicuro che sia vero. i tempi sono difficili ma vedo anche tanta indolenza che supera la forza di volontà

  6. @Pam: seguendo il consiglio di Eric Schmidt perchè non provi a espandere qualche blog in inglese, orientato a temi di interesse globale e vedi come va la cosa? magari riesci a costruirti una nicchia che interessa persone che vivono al di fuori dell’Italia…
    solo un consiglio. ciao.

  7. @GG grazie x il suggerimento. Purtroppo qualunque cosa, se fatta bene, necessita tempo e cure. E il tempo è sempre un problema 😛

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *