Vuoi accendere una candela in Chiesa? Serve la carta di credito

Foto: Repubblica
Foto: Repubblica

Un marchingegno elettronico che permette di accendere candele, prenotare messe e devolvere offerte con la carta di credito (Repubblica).

Succede al Santuario di Caravaggio, in provincia di Bergamo.
Un candeliere con candele elettriche, simile a quelli che sempre più spesso si trovano nelle chiese, ma senza la fessura per la moneta: unico modo per accendere una candela è strisciare la carta di credito.

Non solo. Attraverso lo schermo touch, è possibile accedere a un menu in 5 lingue con le varie tipologie di offerta e i relativi prezzi.
Una candela? 3 euro.
Una funzione semplice? 10 euro.
Una novena? 130 euro.
Ovviamente “non si tratta in alcun modo di pagare la celebrazione, che non ha prezzo, ma di sostenere il ministero dei sacerdoti”.

Comunque, nel giro di pochi giorni, il nuovo marchingegno è stato rimosso: troppe chiacchiere e troppa attenzione.
Mentre le varie tariffe, presumibilmente, restano.
Con buona pace di Papa Francesco che, se non sbaglio, aveva chiesto di eliminare il tariffario dei sacramenti, non di digitalizzarlo.

Share Button

8 commenti su “Vuoi accendere una candela in Chiesa? Serve la carta di credito

  1. Sinceramente il pensiero di pagare i ceri con la carta di credito non mi sconvolge, anzi lo trovo comodo visto che le monete non le ho mai. Però mi sconvolge e parecchio il prezzo. 3 euro??? Per una cosa elettrica che resta accesa poche ore? Usurai!!!

  2. C’è anche di “peggio”… a Padova, mi raccontavano i miei, non ricordo più se nella Cappella degli Scrovegni o nella Basilica di Sant’Antonio, vendevano le candele all’entrata ma una volta arrivati a “fine giro” non avevi l’opportunità di accenderle: dovevi metterle spente, intatte ed intonse in un mucchio per terra.
    Io ti vendo una cosa, ti impedisco di usarla eppoi me la riprendo per poterla vendere ancora…
    Geniale….

  3. Un modo atipico per reggere il moccolo….

    Piccola soddisfazione dei miei genitori: prima di rimetterla nel mucchio selvaggio hanno avuto l’accortezza di annerire lo stoppino (accendendola per un microsecondo) rendendola “meno vendibile”…
    🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *