Pubblicità: la ragazza col cetriolo

Bombardati da mille sollecitazioni visive al secondo, ormai la nostra soglia di attenzione per la pubblicità è davvero bassa, soprattutto nel caso dei manifesti.
Tocca inventare, strafare, esagerare, talvolta dimenticando il buongusto.

Così in questi giorni abbiamo visto i manifesti per la collezione invernale Sisley nei quali la modella Ashley Smith è seduta sul pavimento di un supermercato, davanti al banco degli ortaggi, e tiene in mano un enorme cetriolo.

Cosa c’entra il cetriolo?
C’entra c’entra, perché ha lo stesso colore della linea di abiti, ma nessuno lo nota perché le gambe, il sorriso e soprattutto la fermezza con la quale la modella impugna il cetriolo catturano tutta l’attenzione.

Del resto l’associazione modella-cetriolo è imprescindibile, soprattutto se si tratta di una pubblicità idiota.
Attendiamo la versione maschile, nel reparto frutta, con due meloni in mano.

Share Button

16 commenti su “Pubblicità: la ragazza col cetriolo

  1. Ho visto un’altra versione della pubblicità in cui il cetriolo ce l’ha addirittura in bocca. Ma….

  2. la domanda è: il brand ci guadagna? nel senso di: c’è qualcuno che si accorge del brand oppure si pensa solo a un film porno?

  3. Nella versione filmato, mandata sui maxischermi della stazione centrale, c’è il modello maschio che mima le palle con due meloncini, poi la tipa che mima le tette sempre coi meloncini, poi si vede distesa in mezzo ai cetrioli mentre ne mette uno in bocca…

  4. Io non so cosa pensare. Per certi versi mi rifiuto di interpretare quale messaggio volessero mandare i “creativi”.
    E io sono uno di bocca buona, che di norma non si scandalizza per i pannelli solari da montare a costo zero 😉

  5. Ho visto diverse foto di questo fotografo tutte al limite della pornografia come se la volgarità facesse vendere più vestiti

  6. Ah ah ah la pubblicità è stata bloccata dall’Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria in quanto lesiva della dignità della donna 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *