Google bombing: il buco di Sarkozy

Il presidente francese, Nicolas Sarkozy, lo scorso fine settimana è stato vittima del cosiddetto “Google bombing”, una sorta di “indicizzazione selvaggia” che fa apparire la sua pagina ufficiale di Facebook in testa ai risultati quando gli utenti digitano l’espressione “trou du cul”, cioè “ano”.

Il meccanismo è già stato corretto e la direzione di Google ha commentato: ”Siamo contrari a questa pratica e ad altre che hanno lo scopo di alterare l’integrità del nostro motore di ricerca la cui imparzialità resta come sempre la cosa più importante”.

Il fenomeno si verifica grazie all’azione congiunta di diversi siti che associano una determinata parola chiave a una pagina Web (in questo caso la chiave “trou du cul” e la pagina Facebook di Sarkozy): l’algoritmo di Google valuta questi link come “referenze” e colloca la pagina in cima ai risultati di ricerca.

E’ un po’ come se Google, digitando le chiavi “escort” o “trans”, restituisse come risultato i siti di Berlusconi e Marrazzo: l’algoritmo si può correggere ma la pertinenza rimane.

Share Button

7 commenti su “Google bombing: il buco di Sarkozy

  1. Non so come avvengano queste cose ma google dovrebbe esercitare + controllo perchè scusate ma provate a pensare come sarebbe se succedesse una cosa così a uno di noi allora non ci sarebbe google pronto a intervenire per metterci una pezza ma verremo umiliati pubblicamente

  2. Evidentemente Google ritiene che digitando “ano” meritano di essere in prima pagina altre chiavi/personaggi prima del presidente Sarkozy 🙂
    Poi sul fatto che Sarkozy abbia avuto tutto sto culo a sposare Carla Bruni … beh insomma una che si è sbattuta mezzo mondo e si è fatta una plastica che sembra un trans la trovava anche e meno bastava chiedere qualche info ai nostri parlamentari 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *