Il gossip di WikiLeaks

WikiLeaks, l’organizzazione internazionale che mette in Rete documenti segreti, ci ha rivelato che Berlusconi è un inetto, vanitoso e incapace, dedito ai festini notturni e ai bunga-bunga party.
E la rivelazione quale sarebbe?

Il re è nudo, ma lo era anche prima, e mentre predica sobrietà se ne va a spasso tra la folla in costume adamitico, finché non arrivano gli americani a farci notare che è nudo.
Obama ha scarsa considerazione dell’Europa, ma anche questo non è un mistero: quello che non ci è dato sapere è se sia mosso dalla preoccupazione che Berlusconi gli porti via tutte le donne.

Personalmente trovo poco interessante il gossip diplomatico, che si tratti di Berlusconi “stanco per le lunghe nottate e i party” o di Gheddafi “sempre accompagnato dalla sua infermiera, una biondona ucraina”, semplicemente perché i danni che queste persone fanno alle Nazioni sono molto più gravi di quelli che possono fare sotto le lenzuola.

Verrebbe da chiedersi quando ognuna di noi potrà leggere su Internet la conversazione fatta dal proprio marito durante la quale fa a gara con gli amici a chi ha la moglie più stronza, ovviamente vincendo.

Nel frattempo ci continuiamo ad accontentare di gossip politico e di dichiarazioni pubbliche al limite del ridicolo, come quella di Frattini, secondo il quale i rifiuti, Pompei e Wikileaks farebbero parte di una strategia per mettere in cattiva luce l’Italia.
Senza considerare che il Governo basta e avanza.

Share Button

18 commenti su “Il gossip di WikiLeaks

  1. mi aspetto che un giorno qualche diplomatico ci illumini su quanti uomini di un certo “spessore” si è fatta la Bruni visto che di quelli normali si è passata mezzo mondo 🙂

  2. io voglio che pubblichino l’elenco completo delle escort che si è fatto il premier, completo di indirizzo e numero di telefono grazie 🙂

  3. La cosa più penosa sono le smentite che continuano ad arrivare confermando ancora di più che è tutto vero e il pagliaccio berlusconi dice che si basa tutto sulle notizie false dei giornali poveretto!

  4. alla faccia della fuga di segreti queste sono le cose che abbiamo già letto e riletto sui giornali al limite la possiamo considerare la conferma che era tutto vero dato che i giornali italiani spesso si inventano le notizie

  5. sono tutte fesserie in italia la gente non sopporta chi ha successo e soprattutto se ne frega di quello che pensano gli altri e si gode la vita, bravo berlusconi vai avanti così e fregatene tu che puoi!!!

  6. @asdfg bravissimo tu si che hai capito tutto dalla vita chiedi a berlusconi se gli avanza qualche troia così te la spassi un po’ anche tu che ne hai bisogno

  7. Berlusconi ha detto che pagano le ragazze per dire le bugie…. Sono davvero poco furbi io le pago per scopare

  8. Mi è venuto così 😉
    Io comunque sono apartitica da qualche anno, recarmi alle urne per votare il male minore mi mette tristezza

  9. io sono d’accordo con l’autrice e sostengo anche che la prima gallina che canta ha fatto l’uovo quindi se uno dice che le persone sono state pagate per dire bugie bè…..

  10. Basta non se ne può più di quel vecchio narcisista per lui sono sempre complotti della sinistra lui è sempre la vittima e i sondaggi lo danno sempre come il più amato degli italiani…. ma quandomai??!!

  11. ha dichiarato “da me solo cene dignitose ed eleganti”. come no peccato che la patrizia la ruby e le ragazze di lele mora non avessero proprio niente di dignitoso ed elegante erano solo delle gran zoccole

  12. E’ risaputo che Ruby lavora per la cia e che è stata pagata dai comunisti è tutto un maledetto complottoooooooooooo 😉

  13. A nessuno in America è venuto in mente di sbugiardare Wikileaks solo a un piccolo italiano che evidentemente di balle ne sa qualcosa.
    Un saluto a tutti

  14. Obama ha creato una task force per tutelarsi contro le fughe di documenti che vengono pubblicati su WikiLeaks mentre il nostro governo continua a ribadire che sono solo falsità e complotti…… ecco la differenza tra gli stati uniti e l’italia!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *