Il marketing delle parole: Obama vs Romney

Avevo scommesso che quest’anno Obama non l’avrebbe sfangata.
Poi è saltato fuori che il suo avversario sarebbe stato Romney.
Siamo seri. Romney lo batterei perfino io.

Ma ciò che più interessa, seguendo le presidenziali americane, è il marketing delle parole: comunque vada, sarà lui il vero vincitore, perché ogni singola parola è stata scelta dai due candidati per ottenere un effetto preciso e calibrato sul pubblico.

Il gruppo Expert System, attraverso la tecnologia semantica “Cogito”, ha analizzato il linguaggio usato dal Presidente Obama e dallo sfidante Romney durante i dibattiti del 3, 16 e 22 ottobre, elaborando conclusioni generali basate sulle scelte linguistiche dei due politici.

In generale, Romney ha parlato di più, circa il 14% in più rispetto a Obama, in base al numero di parole pronunciate. Quelle ripetute più spesso sono state: “people”, “job” e “America”, che rappresentano i concetti che stanno più a cuore all’elettorato. Obama invece ha usato più spesso due verbi: “do” e “make”, termini concreti che suggeriscono un’idea di produttività e operatività, mentre l’aggettivo che ha pronunciato più spesso è stato, naturalmente, “american”, per sottolineare quel senso di appartenenza fondamentale per i suoi seguaci.

Oltre l’80% delle parole utilizzate da entrambi sono di uso corrente, ma anche un restante 16% è costituito da termini sempre e comunque comuni, perché l’esposizione semplice è più accessibile e di più immediata comprensione e non richiede capacità di astrazione da parte di chi ascolta.

La sensazione generale è stata che ogni frase, ogni tono di voce, ogni pausa avessero un significato preciso in termini di “effetto” sull’elettorato, ed entrambi i candidati sono stati molto bravi e scrupolosi nell’esposizione, sia a livello di forma sia a livello di contenuto, almeno fino a quando Romney si è lanciato nella promessa di 12 milioni di posti di lavoro in 4 anni.
Quelli poteva prometterli solo Berlusconi, che faceva girare l’economia reclutando escort.

Share Button

16 commenti su “Il marketing delle parole: Obama vs Romney

  1. tu potresti battere Romney? la maggior parte dei giornalisti hanno preso una gran bella cantonata con Romney!Non conoscete quell’uomo..è veramente straordinario!!

  2. Sono d’accordo con Alex non dovevi dire così di Romney in realtà è il migliore tutto quello che dice è intelligente e poi è una persona credente che rispetta certi valori io voterei per lui tutta la vita!

  3. bravi forse a fare marketing non certo a governare ma infondo per questo blog di questa signorina che si occupa solo di temi leggeri va benissimo!

  4. In realtà nei dibattiti Romney ha detto una cosa sola: di aver governato egregiamente il Massachusetts, come se fosse determinante
    …… Francamente non mi pare un grande argomento

  5. obama vincerà le elezioni semplicemente perchè ha governato meglio di tutti gli altri presidenti non ci sono storie

  6. dopo aver contato le parole perchè non ci preoccupiamo anche di criticare i sondaggi che sono visibilmente gonfiati in favore di romney solo perchè gli esperti sanno che se danno troppo indietro un candidato quello stesso candidato crollerà nelle preferenze? stanno tentando disperatamente di tenerlo a galla ma è tutto falso

  7. obama avrà governato da schifo ma da grande uomo di marketing è padrone di internet e sa usare molto bene la tv….. di sicuro è più efficace di romney

  8. se vince romney significa che gli americani sono + fessi di noi che ci siamo limitati a credere al milione di posti di lavoro di berlusconi questo l’ha sparata veramente grossa nessun sano di mente gli può credere

  9. il punto è che tutti e due mi sembra che facciano più marketing che politica e questo per una grande potenza come gli stati uniti (ma intendiamoci lo sarebbe anche per l’italia) non mi sembra affatto buono. secondo me in italia uno dei governi migliori che abbiamo avuto è stato quello di prodi che guardacaso era un salamone che di marketing capiva poco e si presentava così così ma era ingamba! la morale è che non bisogna votare i politici perchè parlano bene ma perchè sono bravi a fare il loro lavoro a me non pare che obama abbia fatto miracoli e adesso in italia abbiamo renzi che è della stessa pasta un bravissimo comunicatore ma a governare farà pietà

  10. Romney ha dichiarato che se vincerà obama gli stati uniti finiranno come l’italia. Direi che non c’è bisogno di aggiungere altro per inquadrare il soggetto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *