Minzolini e lo spot per il governo

L’Italia è l’unico paese dove vengono concessi finanziamenti pubblici ai giornali e dove i cittadini sono obbligati a pagare il canone RAI.
Se i suddetti giornali o emittenti televisive lasciassero spazio al pluralismo, il tutto ci risulterebbe più digeribile; il problema è che spesso e volentieri questi strumenti sono nelle mani della pubblicità, ma non quella canonica, dichiarata, i “consigli per gli acquisti” di Costanzo per intenderci: si tratta molto spesso di pubblicità occulta, nascosta in editoriali, redazionali e servizi vari.

Così ieri sera, nel Tg1 delle 20.00, dopo il servizio di cronaca sulla crisi Berlusconi-Fini e prima del reportage sugli italiani uccisi in Afghanistan, Minzolini in un editoriale ha criticato l’uso politico delle inchieste e sostenuto che la rottura del Pdl è garanzia di chiarezza.

Insomma il Governo resta ben saldo alla guida del paese, e siamo tutti più tranquilli.

Intanto il Governo sta studiando una norma contro l’evasione del canone RAI che si basa sul presupposto per cui “chi e’ proprietario di un’utenza elettrica ha la televisione”.
Potrebbero addebitarci il canone direttamente sulla bolletta. Quella dell’immondizia però.

Share Button

14 commenti su “Minzolini e lo spot per il governo

  1. Io sono per la libertà di espressione, uno può leggere il giornale o guardare la televisione più vicina alle sue idee, non importa se faziose. Quello che non digerisco è dover pagare il canone per sentirmi propinare opinioni lontane dalle mie……. che almeno siano gratis!

  2. “L’Italia è l’unico paese […] dove i cittadini sono obbligati a pagare il canone RAI”. Purtroppo non vero. Il canone TV si paga anche in altri paesi europei.

  3. cioè ci sono altri paesi in cui sei obbligato a pagare il canone di una tv che non guardi? in cina forse

  4. Io odio … il canone rai … diceva il puffo quattrocchi e io chi sono per contraddirlo. Il giorno in cui tutti i meridionali pagheranno il canone rai giuro che lo farò anch’io … credo di dormire sonni tranquilli per un bel pezzo 🙂

  5. @Zio bob che gli italiani non si lamentano non è vero, e non è vero nemmeno che non fanno nulla….. nessuno dei miei amici paga il canone 🙂

  6. Il canone si paga in UK. Si chiama TV licencing. La tassa varia a seconda del numero di televisori e se la TV è a colori o b/n. La tassa serve a finanziare la BBC che è la televisone di stato. Esattamente come in Italia. Sono d’accordo che la BBC sia molto meglio della RAI ma questo non toglie nulla al fatto che il canone non è una cosa solo italiana.

  7. però varia l’idea di pagare una tassa su una tv decente o su una tv che fa schifo. io ad esempio la rai non la guardo mai, ma mai. perchè dovrei pagare il canone di una tv che non guardo? in uk penso che la bbc la guardino un po’ tutti…. o sbaglio?

  8. quoto actarus al 100%. non cu penso proprio a pagare il canone x vedere minzolini e vespa piuttosto se voglio della spazzatura vado a napoli

  9. Io ricevo minacce di morte dalla rai tutti i mesi….. quelle buste verdi di merda che uno pensa sempre di aver beccato una multa!

  10. Adesso i vigilantes della rai se le inventano tutte per entrarti in casa…. a un mio amico si sono spacciati per messi comunali. Fate attenzione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *